”E’ il punto più basso della nostra storia”. La triste fine del club più famoso al mondo!

loading...

during the UEFA Europa League round of 32 first leg match between FC Midtjylland and Manchester United at Herning MCH Multi Arena on February 18, 2016 in Herning, Denmark.

La stagione del Manchester United sta sempre andando più verso il basso. Louis Van Gaal non sa più dove metter mano ad una squadra costruita a suon di milioni ma che sta collezionando figuracce su figuracce, sia in Premier League, che soprattutto in Europa. Dopo l’inopinata eliminazione in Champions League, in un girone non impossibile con Psv, Cska Mosca e Wolfsburg, lo United sta continuando a perdere la faccia anche in Europa League. Giovedì ha infatti perso sul campo del Midtjylland, terzo nel campionato danese, una società fondata nel 1999, l’anno in cui i Red Devils completavano il ”Treble” — Premier, Champions e F.A. Cup —, il punto più alto della gloriosa epopea di Sir Alex Ferguson.

La squadra è allo sbando e i tifosi hanno perso la pazienza. I numerosi supporters presenti in Danimarca hanno contestato continuamente la squadra. Un periodo così, giurano a Manchester, non l’avevano mai vissuto, nemmeno quando la squadra precipitò in seconda divisione negli anni ’70. ”E’ il punto più basso della nostra storia”, come ha dichiarato Sean Bones, vicepresidente del Manchester United Supporters Trust.

E uno dei principali responsabili è certamente il tecnico olandese, che in quasi due anni e centinaia di milioni spesi, non è riuscito a dare un gioco ad una squadra, rendendola vulnerabile e rendendo Old Trafford terra di conquista. I tifosi chiedono la ‘testa’ di Van Gaal, (che certamente lascerà la squadra al termine della stagione) con due ex bandiere come preferiti per traghettare la squadra fino a fine stagione: Ryan Giggs e Paul Scholes. Poi sembra tutto pronto per l’arrivo di Josè Mourinho, che avrà l’arduo compito di riportare ai fasti del passato uno dei club più famosi al mondo, una squadra che ha più tifosi di tutti in tutto il globo.

http://www.direttanews.it/

Potrebbero interessarti anche...

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *