Scoperto tunnel lungo 14KM che unisce Sicilia e Calabria. Incredibile

loading...

tunnelstrettodimessina

La scoperta ha del sensazionale. Gli speleologi del centro studi per il Sud hanno ritrovato un tunnel subacqueo che collega la Calabria alla Sicilia. Il ponte arriva da Messina a Reggio Calabria, circumnavigando praticamente gran parte della Calabria.

 “Incredibile” ha esclamato il direttore del gruppo di ricercatori del Centro del Sud, Vittorio Parenzo “questo mette tutto in discussione; il tunnel risale alle guerre puniche. Si parla di migliaia di anni fa. E pensate che non ha ancora ceduto. Certe volte per noi, è difficile accettare come gli antichi fossero forse più dotti e seri di noi per quanto riguarda l’architettura” poi continua “parliamo di un’opera che eguaglia per importanza il Colosseo, o la muraglia Cinese. Un’opera mastodontica, per di più sottomarina, quindi ancora più importante e difficile da costruire”.

Ma come han fatto i Romani a costruire un simile passaggio e perché?
Ce lo spiega il professor Umberto Viscardi, ordinario di geologia dell’università di Palermo: “Sono state poste delle capsule subacque intorno agli operai che lavoravano al progetto. Mi spiego meglio: i Romani inventarono queste capsule per meglio preservare l’aria da tenere sott’acqua durante i primi lavori del tunnel. Queste capsule avevano un’autonomia di circa due ore. Tempo necessario per proseguire adeguatamente nei lavori. Stando ai nostri primi studi, i lavori per il tunnel subacqueo son durati circa vent’anni. Il passaggio aveva lo scopo di aiutare le comunicazioni fra le due regioni e soprattutto di nascondersi per poi attaccare con effetto sorpresa i nemici, durante le guerre puniche. Il fatto che sia stato scoperto solo ora è perché nella letteratura latina non si parla di questo tunnel in nessun punto. L’imperatore Adriano aveva, infatti, imposto lavoro segretissimi della struttura. E solo a lavori finiti, l’opera fu svelata a tutti. Ma fu assolutamente vietato di scriverne, dato che il tunnel rappresentava un punto di forza fondamentale per i soldati Romani”.

Ancora non si sa ora come e se verrà ristrutturato e poi usato il passaggio. Fatto sta che siam di fronte a qualcosa di epico, biblico, mai visto prima. L’Italia è il più Bel Paese del mondo, speriamo che una struttura simile venga valorizzata alla giusta maniera.

http://www.ilgiomale.it/wordpress/

Potrebbero interessarti anche...

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *