I tram di Melbourne a energia solare entro il 2018

loading...

 

I tram di Melbourne saranno a energia solare entro il 2018. Lo ha promesso il Governo dello Stato australiano del Victoria. L’intera rete dei tram della metropoli funzionerà grazie all’energia rinnovabile.

Nella regione del Victoria verrà costruito un nuovo impianto solare e in questa parte del territorio australiano si raggiungerà un totale di 75 MW di nuovi parchi solari, che saranno posizionati per la maggior parte a Nord Ovest.

Circa la metà dell’energia prodotta dai nuovi parchi solari servirà per alimentare i tram di Melbourne, per un totale di circa 400 mezzi per il trasporto pubblico. Si tratta del primo esempio al mondo di questo tipo secondo il ministro dell’Energia Lily d’Ambrosio.

Il mondo si sta muovendo verso le energie pulite e ora l’Australia si sta impegnando a migliorare da questo punto di vista a partire dal sistema dei trasporti. I costi degli impianti solari si stanno riducendo giorno dopo giorno e questo, secondo il ministro australiano, è un aspetto molto positivo per favorire il cambiamento.

Inoltre, secondo il Governo, questo progetto innovativo porterà alla creazione di 300 nuovi posti di lavoro. Il progetto fa parte di un piano studiato per azzerare le emissioni di CO2 dello Stato di Victoria entro il 2050.

Fare in modo che i trami viaggino grazie all’energia solare porterà a una riduzione delle emissioni di gas serra pari a 80 mila tonnellate all’anno.

La presenza di una vasta rete di tram per il trasporto pubblico è un vero e proprio simbolo per la città di Melbourne e renderla rinnovabile la renderà un ottimo esempio di sostenibilità per tutto il mondo secondo il ministro australiano.

Andrews ha da poco approvato la costruzione di due nuovi parchi eolici, in questo modo la corsa dello Stato del Victoria verso le rinnovabili può proseguire coinvolgendo non solo il trasporto pubblico ma anche le abitazioni. La speranza è che presto la mobilità sostenibile possa contare sulle energie rinnovabili in tutto il mondo.

Marta Albè

Greenbiz

Potrebbero interessarti anche...

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *