Facebook, arriva la novità delle Reactions

loading...

Facebook-app-701x467Facebook ha introdotto in tutto il mondo dei nuovi tasti che hanno sostituito il tradizionale “mi piace”: si chiamano Facebook Reactions (reazioni), e consentono di esprimere emozioni diverse dal semplice “apprezzamento” sui contenuti condivisi dalle pagine e degli utenti.

In tutto le Reactions sono sei: il tasto “mi piace” (che è rimasto), un cuore e quattro emoji, che rappresentano una faccia divertita, una stupita, una che piange e una arrabbiata. Per usarle bisogna spostare il puntatore del mouse sopra il tasto “mi piace”, e le Reactions appaiono poco più in alto. Da smartphone invece bisogna tenere premuto il tasto mi piace: dopo l’apparizione delle Reactions, scorrendo a destra e sinistra è possibile scegliere quella che si vuole. Non c’è il tasto “non mi piace”, di cui avevano parlato erroneamente alcuni giornali e che però non è nei piani di Facebook. Facebook aveva già annunciato e cominciato a sperimentare i nuovi tasti mesi fa, introducendoli per alcuni utenti in alcuni paesi, ma ha detto che da oggi saranno disponibili per tutti gli utenti in tutti i paesi. È possibile tuttavia che non li vediate ancora sulla vostra timeline, che possiate usarli solo sui post delle pagine e non su quelli degli utenti o che li vediate solo da pc e non da smartphone: solitamente ci vuole un po’ di tempo per queste modifiche.

 

Da tempo molti iscritti a Facebook lamentavano di non avere a disposizione alternative al “Mi piace” per interagire con i post dei loro amici, o delle pagine. In alcuni casi il contenuto condiviso non è qualcosa di positivo – può essere un lutto, la fine di una relazione o la notizia di una strage – e il “Mi piace” appare fuori luogo e inadatto per esprimere velocemente un’emozione. Finora in molti avevano ovviato commentando i post con un emoji, ma farlo da smartphone è scomodo e richiede diversi passaggi rispetto a toccare un tasto.

Anche se i piani di Facebook non sono ancora chiari fino in fondo, è probabile che “Reactions” possa diventare uno strumento molto utile per i gestori delle pagine, che potranno valutare in modo più accurato la reazione dei loro utenti a ogni singolo post. In futuro Facebook potrebbe sfruttarle anche in ambito pubblicitario, diversificando il modo con cui produce ricavi grazie alle pubblicità mostrate sul suo sito e attraverso i servizi a pagamento che offre ai gestori delle pagine per mettere in evidenza i loro contenuti.

http://www.italiaora.net/


Seguici su Facebook alla Ns. pagina: QUI SI FA L'ITALIA
dove saranno redatte le novità e gli aggiornamenti di questo Blog



E' gradito un Mi Piace e Condividi....grazie

Potrebbero interessarti anche...

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *