“COSÌ VI IMBROGLIANO QUANDO VI DANNO IL RESTO”: LA NUOVA DIABOLICA TRUFFA…

loading...

Nell’articolo di oggi vi segnaliamo l’ennesima truffa ai danni non solo dei commercianti, ma anche degli acquirenti. Sembrano più frequenti I casi di “scambio”. Stesso peso e stessa dimensione: ma il valore di questi “2 euro” è di 25 centesimi, ecco di cosa si tratta. L’idea non è nuova, infatti, già qualche anno fa erano stati registrati alcuni casi isolati in campania,sardegna e spagna. Ma ad oggi la situazione è più diffusa sul suolo italiano e si ritiene che possa esserci lo zampino del crimine organizzato. L’inganno consiste nello scambiare la nostra moneta da due euro con una moneta thailandese simile alla nostra in tutto e per tutto. La moneta thailandese ha lo stesso colore dei due euro e con lo stesso ordine di colori anche il peso è uguale di 8 gr, tanto che la moneta viene facilmente scambiata all’interno delle macchinette dei distributori automatici. Il passaparola si sta espandendo fra tutti I commercianti e le attività, che hanno a che fare con monete di grande e piccolo taglio, in modo che la truffa possa essere evitata e aggirata. Mi raccomando ogni volta che fate acquisti e vi danno il resto fate sempre attenzione al resto che vi viene consegnato, l’immagine non coincide con quelle delle monete europee che siamo abituati a vedere. Lo stesso comportamento va applicato al resto che viene consegnato dai distributori automatici dove vengono inserite delle banconote, come ad esempio I distributori di sigarette o da quelli che scambiano le banconote in monete. Vi è già capitata questa disavventura? Se siete stati fortunati fate in modo di evitare questa truffa e aguzzate lo sguardo per evitare brutte sorprese inattese, che possono rivelarsi davvero spiacevoli sopratutto se si verificano per distrazione.


Seguici su Facebook alla Ns. pagina: QUI SI FA L'ITALIA
dove saranno redatte le novità e gli aggiornamenti di questo Blog



E' gradito un Mi Piace e Condividi....grazie

Potrebbero interessarti anche...

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *