Non riesci a pagare la multa? Ora c’è l’alternativa

loading...

multe

Sta partendo in questi giorni un’iniziativa a Milano che farà felici molti automobilisti e in generale tutti i cittadini che non navigano nell’oro e che di fronte ad una multa talvolta anche di alcune centinaia di euro si trovano in difficoltà. Si tratta del cosiddetto “baratto amministrativo”, una pratica prevista dal decreto “Sblocca Italia” che permette ai cittadini di saldare i debiti con l’amministrazione comunale prendendosi cura dei beni pubblici.

Il bando, presentato stamattina a Palazzo Marino, prevede 60 giorni di tempo per fare domanda e la possibilità d’accesso per i cittadini residenti a Milano, anche stranieri con permesso di soggiorno valido. Chi fa richiesta deve essere in condizioni di morosità incolpevole, con un Isee non superiore ai 21 mila euro e deve dimostrare che l’impossibilità di pagare è legata alla perdita o alla riduzione della capacità reddituale della famiglia a causa di licenziamento, cassa integrazione, problemi di salute.  

Il cittadino che ne ha diritto potrà così scegliere di estinguere il proprio debito svolgendo lavori come la manutenzione e l’abbellimento di beni comunali, ad esempio asili, giardini, verde pubblico, pulizia e sgombero di cantine, verniciatura di recinzioni, tinteggiature. Ogni ora di lavoro avrà un valore di 10 euro.

Il vice sindaco, Francesca Balzani, spiega l’iniziativa: “Milano è la prima grande città italiana che avvia questo progetto. Questo è il primo bando di prova generale, ma dai prossimi giorni lavoreremo per farne altri. Tecnicamente se ne potrebbe fare anche uno al mese. La cifra a disposizione della rottamazione dei debiti per il primo bando è di 100 mila euro. Cercheremo di trovare un punto di equilibrio tra chi presenta la domanda, l’ammontare del loro debito e il budget disponibile per la rottamazione per consentire a quanti più cittadini di partecipare”.

 http://www.direttanews.it/

Potrebbero interessarti anche...

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *