Udine, giovane infermiere colpito da una violenta scossa in ospedale

loading...

Sono stati attimi di terrore quelli che ha vissuto un giovane infermiere impiegato in un ospedale Santa Maria della Misericordia di Udine (Friuli Venezia Giulia) quando, mentre puliva una sala operatoria, è stato colpito da una scarica da 220 volt ed è rimasto tramortito a terra. L’incidente si è verificato il pomeriggio di mercoledì 13 settembre, il giovane è stato prontamente soccorso dal personale ospedaliero e ricoverato. Per fortuna l’accaduto non ha causato gravi conseguenze ed il ragazzo, dopo due giorni di degenza, è stato dimesso.

Ieri, giorno della dimissione, il giovane infermiere è stato intervistato dai quotidiani locali e parlando della terribile esperienza vissuta ha detto: “Un’esperienza terribile, che non auguro a nessuno”. Il ragazzo ha anche approfittato dell’intervista per ringraziare i suoi colleghi della croce rossa e tutto il personale ospedaliero per il tempestivo intervento e per la vicinanza mostratagli in questi due giorni, quindi aggiunge che deve ancora ringraziare qualcuno: “Non appena sarò in grado di reggermi in piedi andrò in santuario, a Castelmonte di Prepotto, per dire grazie alla Madonna, perché sarei potuto morire”.

L’incidente si è concluso nel migliore dei modi, il giovane dovrà affrontare un periodo di riposo forzato e verrà risarcito per l’assenza dal lavoro e per l’infortunio. Ciò nonostante gli ispettori del lavoro stanno effettuando delle verifiche sul luogo dell’incidente per capire quale sia stata la causa della scossa.

F.S.

Potrebbero interessarti anche...

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *