Bob Lutz: “Tra 20 anni, nessuno avrà un’ auto”.Sarà vietato guidare

loading...

Bob Lutz, ex vicepresidente e responsabile dello sviluppo prodotti per la General Motors, ha dichiarato a Automotive News che “ci stiamo avvicinando alla fine dell’era automobilistica”.

 I titoli della tecnologia sembrano confermare la sua previsione: mentre l’ambiente implora l’estinzione del carburante e le strade diventano sempre più affollate e impossibili da gestire, soluzioni come Hyperloop , in grado di portare molte persone da un luogo all’altro in un modo più veloce, più sicuro e più rispettoso dell’ambiente, appare come il futuro più probabile.

L’intervista a Lutz faceva parte di una serie giornalistica intitolata “Ridisegnare l’industria”, che esplora il futuro di questo business in rapida evoluzione.

Lutz ha anche ricoperto ruoli direttivi chiave in aziende quali Ford, Chrysler, BMW e Opel. Siamo di fronte all’opinione di qualcuno che sicuramente capisce di cosa sta parlando.

I grandi cambiamenti

Per centinaia di anni, il cavallo è stato il principale mezzo di trasporto,negli ultimi 120 anni, è stato soppiantato dall’automobile.

Ora, ci stiamo avvicinando alla fine dell’automobile, secondo Lutz.

Il futuro? Moduli di trasporto automatici e standardizzati.

Uber e concorrenti

“Lo stato finale sarà il modulo completamente autonomo senza la capacità di comando del conducente. Lo chiamerete, arriverà nella  vostra posizione,salirete a bordo, si informerà sulla vostra destinazione e navigherà lungo la strada. In autostrada, si fonderà perfettamente in un flusso di altri moduli che viaggiano a 200, 240 km / h. La velocità non ha importanza. Si avrà un mix di trasporto ferroviario con trasporto individuale “, ha scritto Lutz a Automotive News.

Questi moduli funzioneranno come un mix di trasporto pubblico veloce e taxi: viaggerete da soli, vi verrà addebitato il costo del servizio quando arriverete  a destinazione e il modulo potrebbe essere condiviso  con un altro passeggero.

La maggior parte di questi moduli standardizzati saranno addirittura di proprietà degli Ubers e dei Lyfts della vita, sostiene Lutz. Una minoranza di individui può scegliere di avere moduli personalizzati per comodità, ma è probabile che ciò sia alquanto limitato.

I veicoli, tuttavia, non saranno certamente guidati dagli uomini, perché in 15-20 anni   sarà proibito.

Automobili autonome o non motorizzate: la norma

Lutz scommette sul fatto che il punto di svolta si verificherà quando il 20-30% dei veicoli sulla strada saranno completamente autonomi, come ad esempio Google Driverless Car.

I governi analizzeranno le statistiche sugli incidenti e scopriranno che i conducenti umani ne causano il 99,9%. Presto, metteranno al bando le auto che hanno bisogno di un autista per guidare sulle strade.

Certo, ci sarà un periodo di transizione. L’esecutivo ritiene che  verranno concessi circa cinque anni dalla legislazione per  eliminare  le macchine dalla circolazione, venderle ai ferri vecchi o sostituirle con moduli personalizzati.

Ma cosa succede se il pubblico non accetta l’auto stand-alone?

Lutz sostiene inoltre che non abbiamo bisogno dell’accettazione pubblica di veicoli stand-alone perché diventino la norma, nel caso in cui pensiate che le auto senza autista non diventeranno popolari in così poco tempo per via della diffidenza della gente.

“Tutto ciò di cui abbiamo bisogno è l’accettazione da parte delle grandi flotte: Uber, Lyft, FedEx, UPS, il servizio postale degli Stati Uniti, servizi pubblici, servizi di consegna”, ha detto.

Ad esempio, potrete effettuare un acquisto presso una grande azienda come Amazon e ricevere la consegna in moduli automatizzati che non hanno nemmeno il logo di famosi marchi automobilistici come Chevrolet, Ford o Toyota. Di fatto, appartengono a Uber o Lyft o ad un’altra società che si trova sul mercato.

Presto il pubblico capirà che questo è il futuro, che è sicuro e che funziona.

Altre modifiche

Lutz  ha fatto anche altre previsioni, come quella che le compagnie di trasporto potranno richiedere moduli di varie dimensioni,  piccoli, medi o grandi. Nonostante questo, la performance sarà la stessa per tutti, perché nessuno sorpasserà un’altro  sulla strada. Questo è il segno della morte per aziende come BMW, Mercedes-Benz e Audi, perché questo genere di prestazioni non avrà più importanza.

In ogni veicolo, sarà possibile richiedere diversi livelli di equipaggiamento, dai moduli di base ai moduli di lusso che includono frigorifero, TV e computer con connettività. Non ci saranno limiti a ciò che può essere incluso nei moduli, perché bere o scrivere messaggi di testo durante il viaggio non sarà più un problema.

Anche l’importanza del design sarà ridotta al minimo perché i moduli ad alta velocità devono essere appiattiti alle due estremità.

Il futuro dei concessionari

Tutto ciò implica necessariamente anche la scomparsa del retail automobilistico così come lo conosciamo.

I venditori di auto continueranno ad esistere come attività marginale, come i commercianti di cavalli oggi, per le persone che desiderano moduli personalizzati o che acquistano riproduzioni vintage di automobili come Ferrari.

Lo sport automobilistico sopravviverà. Sarà probabilmente una cosa elitaria, anche se potrebbero esserci strade pubbliche, come i campi sportivi pubblici, dove ci si potrà divertire per qualche ora.

“Così come ci sono ancora oggi gli allevatori di cavalli da corsa, ci saranno produttori di auto da corsa, auto sportive e fuoristrada. Ma sarà un’industria artigianale “, afferma Lutz.

In sintesi, l’intero mercato automobilistico, i laboratori dei meccanici, i concessionari e i media automobilistici cesseranno la loro attività  in 20 anni circa.

La sopravvivenza delle case automobilistiche

Le case automobilistiche odierne sopravviveranno solo se potranno adattarsi a questo nuovo mercato.

Lutz dice che la General Motors sta facendo le scelte giuste, scommettendo sulle funzioni automatiche, per resistere quando si verificherà la transizione.

“Penso che tutti vedano  che sta per avvenire un cambiamento epocale, ma nessuno vuole parlarne. Sanno che andranno bene per alcuni anni se continueranno a fornire una tecnologia superiore, un design superiore e un buon software per la guida incustodita. Quindi, per un po ‘di tempo, l’idea autonoma verrà catturata dalle compagnie automobilistiche. Ma questo cambierà e le grandi case automobilistiche  verranno soppiantate. Questa transizione sarà ampiamente completata in 20 anni “, conclude Lutz. [ AutoNews ]

Fonte: hypescience.com 

Potrebbero interessarti anche...

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *