Donnarumma, le lettere dell’avvocato al Milan: “condotta vessatoria” e risoluzione del contratto

loading...

Gianluigi Donnarumma e Mino Raiola, attraverso l’avvocato Rigo, hanno fatto pervenire due lettere al Milan, una a giugno ed una a settembre: nella prima, precedente il rinnovo, si parla di “pressioni psicologiche”; nella seconda, datata settembre, c’è la richiesta di rescissione del contratto per mancato deposito delle clausole rescissorie.

Parzialmente smentito dunque quanto scritto dal giovane portiere sul suo profilo Instagram alcuni giorni fa, quando aveva spiegato di non aver parlato o scritto di “violenza morale” alla firma del contratto, nel messaggio social seguito alla dura contestazione della Curva nella partita di Coppa Italia e alle voci appunto sulle pressioni subite per apporre la firma sul rinnovo del contratto.

LA LETTERA DI GIUGNO. Nel documento pubblicato dalla Gazzetta dello Sport in edicola, la prima delle 3 pagine della lettera inviata il 14 giugno a Yonghong Li e Fassone dallo studio di Vicenza dell’avvocato Rigo, legale cui si rivolge abitualmente l’agente italo-olandese:

Oggetto: Gianluigi Donnarumma/A.C. Milan S.p.A.

Egregi Signori, formuliamo la presente su incarico del Signor Gianluigi Donnarumma, dipendente tesserato di A.C. Milan S.p.A., al fine di porre termine alla condotta vessatoria posta in essere in maniera oramai sistematica e, per quel che appare più grave, progressiva, da dipendenti di AC Milan a danno del nostro Assistito.

Tecnicamente vero quanto scritto da “Gigio”: non ha parlato di pressione alla firma del rinnovo dell’11 luglio scorso (a 6 milioni l’anno, 1 milione anno anche per il fratello). La protesta per le presunte pressioni psicologiche, o meglio la “condotta vessatoria sistematica e progressiva” da parte di “dipendenti Milan” (non specificato chi, né come esercitata) c’è invece stata.

DIALOGO. Indiscrezione della mattina, riportata da più media ma priva al momento di conferme, è che sarebbe in corso un “dialogo” informale tra le parti, in particolare tra Fassone e Raiola, per trovare una soluzione, con Donnarumma che vorrebbe ricucire il rapporto con i tifosi e quindi non sarebbe orientato a partire, almeno non a gennaio.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

loading...