Sette italiani su dieci bocciati in grammatica

loading...

 

Da un’indagine si evince che, non solo leggiamo poco ma siamo anche incapaci di scrivere

 Sarà che hanno più autonomia, sarà che sono obbligati a cavarsela da soli, a darsi una svegliata in tempi rapidi.

 Sta di fatto che i ragazzi di terza media con la madre impegnata al lavoro sembra rendano molto di più rispetto ai compagni con la genitrice casalinga. Morale della favola? Il rapporto tra un bambino e una mamma impegnata (e magari realizzata) nel suo lavoro è più stimolante rispetto all’amichetto che ha alle costole una casalinga.Il dato emerge dai test «Invalsi 2015/2016» sulle competenze in lettura e matematica, che consentono di discriminare i risultati anche in base alla situazione lavorativa dei genitori. E sorprende non poco, visto che nell’immaginario collettivo una mamma in pianta stabile a casa dovrebbe rappresentare una garanzia per il rendimento scolastico degli alunni. Soprattutto di quelli meno dotati o semplicemente scansafatiche. Invece i numeri dicono l’esatto contrario. In italiano, il punteggio medio (normalizzato e corretto dall’istituto di via Ippolito Nievo) degli alunni di terza media che possono affidare le proprie angosce scolastiche alla mamma casalinga sfiora i 58 punti, contro una media nazionale che si attesta sui 61 punti e i 63,7 dei figli che aspettano il ritorno a casa dei genitori dopo una lunga giornata di lavoro. Tra i primi e gli ultimi la differenza di punteggio è del 10% a favore delle genitrici che lavorano. Stesso discorso in matematica: 47,5 punti per gli studenti con mamma non lavoratrice per scelta, quasi 51 come media nazionale e 54 punti per i figli delle donne che lavorano. Con un divario che sfiora il 15%. Un trend confermato anche quando a rimanere a casa è il papà, ma parliamo di 1.850 casi su 524mila.Dunque sarebbe ora di abbandonare tutti quei sensi di colpa tipici delle donne che ogni giorno fanno salti mortali per riuscire a conciliare carriera, famiglia e figli. Non sempre il troppo accudimento porta risultati positivi: spesso il dover sopperire una mancanza fa ingegnare i ragazzi a trovare soluzioni, a sforzarsi, a sapersela cavare. C’è di più. Secondo alcuni pedagogisti, le mamme lavoratrici sono anche più soddisfatte e, anche se stanche, al ritorno dal lavoro giocano con i figli quando sono più piccoli e contribuiscono alla costruzione di quelle interazioni con gli adulti che parecchi studi internazionali considerano alla base di solide competenze linguistiche.

In altre parole a fare la differenza non è la quantità del tempo trascorso con i figli ma la qualità

Potrebbero interessarti anche...

loading...