I piani di Facebook per non farti uscire più da Facebook

loading...
Probabilmente, tolto l’esordio, non c’è stato un periodo più adatto di questo a chiedersi cosa Facebook avesse in mente per il futuro. Cosa stia cercando di fare davanti al patrimonio di oltre due miliardi di utenti che si è costruito: cosa con i loro dati, cosa per i loro gusti, cosa per invogliare nuove abitudini, cosa per proteggerli dall’uso distorto del mezzo.

L’anno appena passato ha visto il social network in difficoltà per gli usi inappropriati della piattaforma (nel più ampio contesto di sfiducia del grande sogno tech che ha toccato tutti, ma Zuckerberg di più) e dunque i prossimi piani assumono un peso specifico importante.

Il 2018 è iniziato con due notizie estremamente importanti. La prima (che ha agitato le notti di molti editori) è un cambio di algoritmo che promette agli utenti di vedere più post di amici e famigliari e meno roba di pagine e inserzionisti. La seconda è l’annuncio di aver risolto il problema delle fake news in modo spettacolare: dando agli utenti la responsabilità di decidere cosa sia attendibile e cosa no.

Insomma, il futuro della nostra timeline prevede meno notizie (e a tendere solo quelle che ci piacciono). Ma allora Mark Zuckerberg cosa vuole mostrarci quando apriremo Facebook? Il Ceo affida periodicamente i suoi intenti ai post ufficiali, ma per (provare a) unire i puntini bisogna spostare lo sguardo anche altrove.

Facebook sembra confermare la sua voglia di essere l’internet, dentro l’internet
Il social network partì fagocitando i sistemi di messaggistica o cercando di scalzare il primato di YouTube sui video. Dove non è riuscito a inserirsi direttamente, lo ha fatto attraverso le sue proprietà (vedi le Storie di Instagram, dopo il fallito tentativo di acquisire Snapchat).

Più cose si possono fare su Facebook, più tempo si passa incollati lì sopra. A quel punto, poco importa postare contenuti. L’azienda, per guadagnare, ha bisogno di spettatori, ancor più che di autori. Per completare il disegno di un ecosistema che trattenga l’utente nell’orto blu, il social network deve avere due cose un catalogo (e relativo palinsesto): i video e la musica.

La questione tv
Da un lato c’è Watch, la tv. È divisa in due schede: una dedicata ai nuovi show, l’altra con un elenco di contenuti giudicati interessanti dall’utente. La sperimentazione è partita ad agosto ed è per ora disponibile solo negli Stati Uniti.

facebook watch
Se l’obiettivo è quello di assorbire il tempo di chi accede, Facebook sa di non poter giocare alla pari con le grandi produzioni. O meglio, non con gli stessi contenuti. Mettersi in gara con Netflix, Amazon Prime Video e tutto il resto appresso, sarebbe come cercare di svuotare una vasca con un cucchiaino. Ulteriori delucidazioni a riguardo le ha date Ricky Van Veen, a capo della Strategia creativa del social network, intervenendo a una conferenza a Miami.

“Non vinceremo mettendoci in competizione con le prestigiose produzioni di drammi da un’ora, c’è già chi lo fa egregiamente. In questo momento l’idea è quella di fare i migliori spettacoli che possiamo e lasciare che siano il miglior motore promozionale della piattaforma Watch. Van Veen ha poi concluso:

Il Newsfeed potrebbe essere il miglior strumento di reclutamento degli spettatori che sia mai stato inventato
Il NewsFeed, già. Proprio quello che sta cambiando in questi giorni.
Il punto quindi è fare in modo che la tv di Facebook e la sua home si spalleggino a vicenda. I contenuti dovranno poter essere commentati, par di capire: “Uno spettacolo dovrebbe attivare una comunità, sia esso un gruppo demografico, di affinità o una nuova comunità formata attorno a uno spettacolo. L’aspetto più importante di Watch è quell’elemento sociale. C’è così tanto che puoi fare quando i contenuti e le conversazioni avvengono su vasta scala sulla stessa piattaforma“. Tipo garantire agli inserzionisti che lì la gente c’è, commenta, parla, e resta online.

E infatti alcuni dei contenuti portati ad esempio dallo stesso Van Veen sono personaggi in grado di trasformare i propri seguaci su Facebook in fan dei programmi di Watch: Tom Brady, star della NFL, con “Tom vs Time” o Kerry Washington (sì, Scandal), con “Five Points”. Per incentivare l’attività d’espressione degli spettatori, Facebook sta testando la funzione “Watch Party”, che consente a gruppi di persone di commentare contemporaneamente ciò che stanno vedendo.

Poi, ci sarebbe la faccenda dello sport: secondo Variety e The Guardian, Facebook avrebbe assunto Peter Hutton, ceo del network Eurosport (di Discovery), per guidare le trattative sullo streaming sportivo. Terreno sul quale già si è mossa anche Amazon, con accordi per la trasmissione di partite della Nfl (National Football League, la maggiore lega professionistica di football americano).

In comune con gli emittenti più tradizionali, Watch ha la cadenza della programmazione: conta il momento della giornata in cui si pubblica, così come il giorno della settimana. Aiuta il pubblico ad avere un’abitudine, ha confermato Van Veen: “Vogliamo che le persone inizino a utilizzare Facebook in un modo diverso”.

Facebook, però, non dimentica di essere un social network nato per far condividere contenuti creati dagli utenti. E così, dopo aver aperto al 4K, in agosto Facebook ha comprato la startup tedesca di computer vision Fayteq, nota per la creazione di plug-in per programmi di video editing (come Adobe After Effects) capaci di togliere e aggiungere oggetti dai video esistenti.

I diritti musicali
Poi c’è la musica. Dopo aver introdotto Live Audio, cioè lo streaming in diretta – per l’Italia, lo ha fatto Fiorello – e dopo aver scippato a YouTube Tamara Hrivnak, per metterla a capo della Global Music Strategy di Facebook, ora l’azienda si è messa a stringere accordi con le case discografiche. Subito dopo Universal c’è stata Sony/ATV Music Publishing, e ora si resta in attesa per Warner.

Su questo fronte, sembra duplice il risultato che vuol portare a casa Facebook: uno riguarda lo sfruttamento delle opere coperte da diritto per la produzione dei contenuti, l’altro un eventuale servizio che potrebbe essere in cantiere. Già con Messenger è possibile ascoltare per intero i brani di Apple Music, direttamente all’interno delle conversazioni. E se un giorno, i brani per intero, li trasmettesse direttamente Facebook?

Lo shopping
Ma il quadro per rendere il social network un posto dove si trascorre, letteralmente, la propria vita, è un mosaico fatto di infiniti piccoli tasselli. Se per i video on demand c’è Watch, e per la musica il cantiere è in corso, per gli acquisti Facebook ha schierato Marketplace. Nato dal successo di molti Gruppi d’acquisto e scambio, la sezione, integrata pienamente nella versione mobile del social, è uno dei bacini catalizza-attenzione più pericolosi che ci siano (salvo non essere del tutto refrattari allo shopping).

marketplace facebook
Il lavoro
E per il lavoro, non si fa niente? Che domande, ma certo: dopo aver già lanciato lo strumento Facebook Jobs, dedicato alle Pagine, a fine 2017 la piattaforma ha testato una più dettagliata versione delle informazioni nei profili professionali, strutturate proprio come quelle di un curriculum.

Sul lato dei contenuti, Zuckerberg si è espresso personalmente, spiegando l’introduzione di un algoritmo che premierà i contenuti di amici e parenti rispetto a quelli delle Pagine (anche se, con gli opportuni distinguo).

Le notizie locali
Ma c’è di più: “Today In”, strumento per ora disponibile solo in alcune città degli Stati Uniti e facente parte del Facebook Journalism Project, è una sezione dedicata alle notizie locali e della community del territorio. Un modo per stimolare il giornalismo locale, così come la rivalutazione di un concetto di social più ristretto, rispetto a quello di una comunità globale che ha ridotto di parecchio ormai i sei gradi di separazione. A onor del vero, Facebook ha negato a Quartz che la sezione possa essere rilasciata altrove nel mondo, ma al momento suona particolarmente in assonanza con questa sbandierata “riscoperta delle origini”.

In che modo lo sviluppo di questa sezione si integra con la volontà di Zuckerberg di mostrarci meno notizie in timeline? “Le persone vogliono più notizie locali“, ha scritto il responsabile del NewsFeed Adam Mosseri per giustificare gli ultimi cambi, “faremo in modo di rendere più semplice per i nostri utenti accedere a queste notizie in una sezione dedicata“.

Secondo alcuni, in verità, nei piani a lungo termine c’è la volontà di tornare a bussare alle porte della Cina dove Facebook, insieme ad altri, è vietato da tempo.

Così sostiene ad esempio in una lunga analisi James Temperton per Wired UK, che sottolinea quando i numeri della popolazione cinese possano far comodo a un colosso tech quale è Facebook. Riprende le parole di Wolfgang Blau, presidente di Condé Nast International, che su Medium ha spiegato come “Avere troppo giornalismo intorno al proprio marchio è un errore per qualsiasi piattaforma che intenda farcela in Cina”.

Cogliendo la palla al balzo dell’estenuante dibattito sulle fake news, e delle beghe della propaganda politica che ha portato l’azienda davanti al Congresso, Zuckerberg, riducendo il profilo di media company del servizio (essenza che ammise dovendosi turare il naso), potrebbe dare un colpo al cerchio e uno alla botte. Una minore esposizione al trattamento per fini politici della piattaforma da un lato, e un avvicinamento a Oriente, dall’altro.

La strategia di Zuckerberg, peraltro, difficilmente è solo difensiva. Nel post di mea culpa, di inizio anno, compariva un dettaglio interessante: il suo interesse per le criptovalute. L’evoluzione di Facebook non è ancora finita. Wired

Potrebbero interessarti anche...

loading...