Aquarius, Bonino: “Renzi riempì l’Italia di immigrati per la flessibilità, in violazione degli accordi di Dublino, Salvini li vuole rimandare a casa per i v…..”

loading...

L’ex ministro ribadisce a ilfattoquotidiano.it che la priorità è mettere in salvo i 628 migranti rimasti in balia di un braccio di ferro geopolitico tra Italia, Malta e l’Europa. Il titolare del Viminale “fa ancora campagna elettorale”. Ma anche chi lo critica ha delle responsabilità. La radicale ricorda il “patto scellerato” dell’ex premier che “firmò accordi in Europa perché gli sbarchi avvenissero tutti quanti in Italia. In cambio di un trattamento favorevole sui conti. E in violazione degli accordi di Dublino”

Renzi ha barattato i soccorsi in cambio della flessibilità sui conti.  Salvini per qualche voto in più”. Ha idee molto precise l’ex ministro degli Esteri Emma Bonino sulla vicenda dei migranti a bordo della Aquarius finiti in balia di una contesa diplomatica e geopolitica che chiama in causa Italia, Malta ed Europa. C’è Malta che risponde picche alla richiesta di farsene carico, perché “a gestire l’operazione è Roma”, anche se l’imbarcazione dell’ong SOS Mediterranée batte bandiera di Gibilterra. E non cambia idea quando l’Italia, per decisione di Salvini, chiude i porti lasciando 629 vite in mezzo al mare. L’Europa sta alla finestra. A ilfattoquotidiano.it la Bonino spiega che la priorità è aprire i porti e salvare quelle persone. Poi si discute di cause e soluzioni. Anche perché “l’isolamento dell’Italia sul fronte dell’immigrazione è anche colpa dell’Italia stessa”. Se il Salvini oggi ministro “sembra in campagna elettorale” nessun governo può dirsi esente da colpe. La radicale evoca  l’ “accordo scellerato” che lei stessa denunciò un anno fa: “Nel 2014-2016, durante il governo Renzi, si decise che il coordinatore fosse a Roma, alla Guardia Costiera e che gli sbarchi avvenissero tutti quanti in Italia. Lo abbiamo chiesto noi, l’accordo l’abbiamo fatto noi, violando di fatto Dublino”. In cambio di flessibilità.

Cosa deve fare l’Italia ora che ha lanciato la sua sfida all’Europa?

Prima di tutto deve applicare il diritto marittimo e salvare quelle vite subito, poi potrà discutere e litigare. Non può tenere 600 persone con donne e bambini in ostaggio e usarli come arma di ricatto di una guerra diplomatica e geopolitca che viene da lontano. Non sono in pericolo di vita ma bisogna garantirgli acqua e cibo. Ricordo che un incidente di questo tipo era già stato provocato nel 2004 e si sbloccò, credo che le contraddizioni di una mancata politica europea su questi temi non le possano pagare persone che nulla c’entrano.

Come giudica la decisione di Matteo Salvini di chiudere i porti?
Mi sembra che Salvini sia ancora in campagna elettorale. La fa sulla pelle delle persone. Confermo che la via indicata dal nuovo governo dei respingimenti collettivi è impraticabile e illegale. Ricordo come Maroni da ministro dell’Interno tentò una strada simile, ma dovette ripiegare.

Fu lei, a un certo punto, a chiarire come il governo Renzi avesse fatto un “accordo scellerato” in cambio di flessibilità.
Confermo che andò così. Tra l’altro fece scalpore quella mia uscita ma non avevo rivelato proprio niente, perché la discussione era stata in Parlamento al Comitato Schengen. Mi ricordo benissimo che la presidente Laura Ravetto all’epoca, polemizzando con me, disse: “Non ci voleva la Bonino per scoprirlo”, visto che lo aveva denunciato lei in commissione.

Quanta attinenza ha coi fatti di oggi e con l’atteggiamento dei partner europei cui l’Italia chiede di non girarsi dall’altra parte?
Quell’accordo era sul mandato dell’operazione Triton che era operativa dal novembre 2014 mi pare. C’era proprio scritto che per quanto riguarda l’eventualità di operazioni di soccorso in mare il piano prevede che le persone salvate vengano portate in Italia. Non era una teoria o una polemica, era proprio scritto nella nota: “Deve essere assicurato che il coordinamento e la cooperazione con le autorità Sar è portata avanti in modo che le persone “can be delivered”, possano essere assegnate in un posto sicuro in Italia”. In cambio l’Italia otteneva dall’Europa una garanzia di maggior flessibilità sui conti pubblici. Per questo ho parlato di un accordo “scellerato”.

Fino alla firma di Triton un migrante recuperato da una nave inglese risultava di fatto in territorio inglese. Allora si è accettato che tutti quelli recuperati dalle missioni di europee arrivassero sul suolo italiano. E’ così? E Malta quanta responsabilità ha?
Sì confermo. Per quanto riguarda Malta è un’isoletta di 31 km quadrati ed è chiaro che in proporzione ne ha accolti ben più di noi se si guadano le statistiche. Ma il punto non è solo quello, ma che tutta questa guerra diplomatica in cui ognuno fa per sé, chi chiude le frontiere e chi i porti avviene in totale violazione di trattati internazionali sui diritti umani. Mi pare evidente come questo non sia sufficientemente chiaro a molti.  ilfattoquotidiano.it

Potrebbero interessarti anche...

loading...