“Ci stanno lavorando”. Salvini, Di Maio e Mattarella… Il clamoroso piano B: che cos’è e quando scatterà

loading...

“Dell’Europa mene frego” (Salvini), “lo spread non è una bella cosa ma noi non possiamo controllare i mercati” (Conte) e “non c’è nessun piano B per cui è inutile che questi signori strillino” (Di Maio) sono solo lacune delle dichiarazioni improntate al “tiro dritto” della triade che governa l’Italia. Ma in realtà, un “piano B” esisterebbe eccome.

Loading...
loading...

E a Palazzo Chigi ci stanno già lavorando, d’intesa col Quirinale, secondo quanto rivela dagospia.com. Verrebbe in gioco, questo piano B, se nelle prossime settimane tutto giocasse contro il governo e l’Italia: ovvero, in caso di bocciatura della manovra da parte della commissione Ue il prossimo 15 ottobre e dell’Italia come Paese da parte delle due agenzie di rating Moody’s e Standard & Poor’s il prossimo 26 ottobre. Con uno spread che già ora è a quota 310, è facile prevedere un rialzo magari addirittura sopra quota 400. E se anche la Borsa dovesse subire tracolli come quelli visti in alcuni dei giorni scorsi (soprattutto per i titoli del comparto bancario), il governo non potrà far finta di niente e tirare dritto.

Loading...
loading...

Il “piano B” prevederebbe un ridimensionamento delle misure annunciate come il reddito di cittadinanza e la riforma delle pensioni (la flat tax partirà già in una versione assai modesta) in attesa che le elezioni europee cambino radicalmente la situazione a Bruxelles e a Strasburgo. Allora, con una Europa che Salvini e Di Maio si augurano sarà a forte impronta sovranista e populista, sarà possibile spingere davvero sull’acceleratore degli interventi previsti nella versione “originale” della manovra. liberoquotidiano.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *