Romena vende per strada figlia, nipote e ragazza incinta

loading...

 

La squadra mobile di Genova ha sgominato una banda composta da quattro persone di origine romena (tutte imparentate) che reclutava e poi induceva alla prostituzione giovani connazionali. A capo dell’organizzazione c’era una 61enne, da tempo residente nel capoluogo ligure, che obbligava la figlia e la nipote a prostituirsi. Parte del ricavato del meretricio veniva utilizzato dall’anziana per andare a giocare al Bingo.

I quattro cercavano giovani di famiglie umili che vivevano in stato di indigenza. Gli arrestati sono: Marioara Muntean, detta “Mariana”, 61 anni, Maria Loredana Muntean, detta “Dana”, 40 anni, Nicolae Carol Muntean, detto “Nicu”, 35 anni, e Lajos Claudiu Molnar, detto “Loicica”, 29 anni. Tutti sono nati a Hateg (Romania).

Ragazza al settimo mese di gravidanza costretta in strada – La banda faceva lavorare anche una ragazza al settimo mese di gravidanza. L’indagine è partita un anno fa dalla denuncia della terza figlia della 61enne, madre della ragazza obbligata a prostituirsi. L’inchiesta è stata condotta, anche con intercettazioni, dalla Squadra mobile. Gli arrestati sono accusati di associazione a delinquere finalizzata al reclutamento, induzione e favoreggiamento della prostituzione. Per fare guadagnare più soldi alle prostitute, la donna obbligava le ragazze ad assecondare i clienti su ogni richiesta e ad avere rapporti sessuali non protetti. Parte dei guadagni venivano inviati in Romania mentre altri investiti in gioielli.

http://tuttiicriminidegliimmigrati.com/

Potrebbero interessarti anche...

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *