Surawa bruciato a 18 anni

loading...

La baracca dove dormiva è andata a fuoco. Surawa è morto bruciato, aveva solo 18 anni. È bruciato vivo, nella baraccopoli di S. Ferdinando nella Piana di Gioia Tauro. Surawa Jaithe era il suo nome, veniva dal Gambia, fuggiva la fame ed ha trovato la morte ad attenderlo con la falce affilata. È morto bruciato, Surawa, in Calabria “in un fazzoletto di terra, in un triangolo i cui tre vertici sono, idealmente, aria e, Gioiosa Jonica e S.  Ferdinando, si consumano tragedie, più spesso, e si seminano speranze, sempre meno”. Come scrive Roberto Saviano su L’Espresso. “ Mentre il governo distrugge il sistema degli Sprar su tutto il territorio nazionale, talvolta criminalizzandolo, restano intatte le baraccopoli…”.

Loading...
loading...

La baraccopoli di S. Ferdinando, vicino Reggio Calabria, ora è stracolma di immigrati: è la stagione degli agrumi. Nella Piana di Gioia Tauro sono oltre 4000 i braccianti che in condizioni di lavoro e di vita disumane sono lì per raccogliere arance e mandarini. La baraccopoli è stracolma di persone anche durante l’inverno gelido provano a riscaldarsi accendendo bracieri. E i fuochi sono pericolosi perché tutto nella baraccopoli è infiammabile”.Surawa aveva freddo, la sua baracca era umida e tutti spifferi. Le coperte erano bagnate e gelide. Nulla poteva riscaldarlo. Nulla. Tramava. Batteva i denti. Surawa si era rannicchiato in un cantuccio della baracca, il naso gli colava, le labbra screpolate e le mani fredde. Surawa aveva le lacrime agli occhi, il cuore gonfio di nostalgia per la sua terra.

Loading...
loading...

Per il sole caldo della sua terra.Gli mancavano gli odori intensi, i profumi e le parole della sua terra. Surawa era lì, lontano dalla sua terra, infreddolito, rannicchiato in un cantuccio umido della baracca. Piangeva in silenzio. Ingoiava la saliva del pianto in silenzio mentre si sfregava le mani. Era solo. Surawa era solo mentre moriva bruciato a soli diciotto anni.di Claudio Caldarelli

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *