Загрузка...

La felicità

loading...

“ … sai, la felicità?
Oh … non è l’avere chissà cosa.
La felicità è il sapere che hai una
Donna da amare o da poter amare.
E’ il suo “ sapore” che conservi in te,
è il sorriso che ti porti addosso, ma è anche
il mare che ti travolge di bellezza e ti divide
da lei anche. La felicità è il suo nome che
pronunci, quegli occhi che come il mare
non ti stancheresti mai di guardare!
E’ questa la felicità, non è null’altra cosa….. “
Vincenzo Calafiore

Загрузка...
loading...
Загрузка...
loading...

Se tu dovessi chiedermi se sono felice, ora come ieri, ti risponderei di si, ti direi che sono felice!
Ma la felicità non è l’avere chissà cosa.
La felicità è il sapere che hai una Donna da amare o da potere amare.
E’ il suo “ sapore” che conservi in te, è il sorriso che ti porti addosso, ma è anche il mare che ti travolge di bellezza, di tenerezza ma che anche a volte ti divide da lei.
La felicità è il suo nome che pronunci piano per non farlo sentire al mondo, quel mondo che può uccidere, che può portartela via in qualsiasi momento; per questo la proteggi e la curi come la cosa più importante, la più meravigliosa.
Non la usi e la getti via, non la sporchi di cattiverie, non la sfrutti, non la fai prostituire o pregare per ottenere ciò che più le appartengono: la libertà e la dignità, l’onore.
La felicità sono quegli occhi che non ti stancheresti mai di guardare come il mare!
E’ questa la felicità, non è null’altra cosa!
A volte è così forte il desiderio di starti vicino, di sentire la tua voce, e vedere il tuo viso illuminato da un sorriso, che mi fa cadere in un vortice di pazzesca solitudine, mi strugge starti lontano come fossi ramo che guarda da un’altra parte.
L’amore che a te mi lega è indissolubile, è un legame forte così radicato in me che guai se dovesse per qualunque motivo mancarmi o venir meno.
Lo so che la vita a volte porta lontano e immancabilmente separa anche per sempre, e io non saprei neppure immaginarmela una vita così, inutile e insignificante, senza la tua presenza, senza la tua voce che è un richiamo alla felicità.
Avrei voluto tu ci fossi quando tornavo a casa a notte fonda e mi tremavano le mani dal freddo, pensavo ‘che serataccia’ poi guardavo il cielo. Avrei voluto tu ci fossi tutte le notti che mi sono alzato svegliato da un richiamo forte. Avrei voluto tu ci fossi anche solo per girarmi e trovarti dove t’avevo lasciata ad aspettarmi, anche fosse un sogno, bello, dolcissimo. E invece ci sono state serate di tremende inquietudini e la tristezza di sentirmi solo in mezzo a un mare sconosciuto a guardare il cielo nell’attesa di vedere una stella cadente per esprimere il desiderio di farti trovare qui accanto a me, riaprendo gli occhi come una magia … Avrei voluto tu non fossi così lontana quando il mio passato mi ha cercato e io non volevo farmi trovare, avrei voluto stringermi a te se tu ci fossi stata. Avrei voluto tu ci fossi quando combattevo contro me stesso per non cadere in un “ mi dispiace “, ma anche in quei momenti quando mi son fatto forza e coraggio, superato tutte le difficoltà a cui la vita pone pensando di trovarti alla fine della mia folle corsa, e invece mi sono ritrovato ai bordi di un infinito amore che ancora oggi riesce a commuovermi, pensa sei l’unica, l’unico mio pensiero, l’unica felicità. So che ti amo, non so se potrò ancora amarti, non so come io abbia resistito a quel tempo in cui non c’eri ancora e ti cercavo, non so come ce l’abbia fatta senza te. Ho sempre avuto un grandissimo desiderio di vederti restare!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *