Loading...

5 maggio, che fine hanno fatto Poborsky e Gresko?

loading...

Protagonisti, nel bene e nel male, del celebre Lazio-Inter del 5 maggio 2002, ecco dove sono oggi Karel Poborsky e Vratislav Gresko.

Loading...
loading...

Oggi sono passati 16 anni dal famosissimo 5 maggio 2002, il giorno di LazioInter 4-2. la partita che tolse clamorosamente lo Scudetto ai nerazzurri e lo consegnò alla Juventus all’ultima giornata.

I protagonisti di quegli incredibili 90 minuti, nel bene e nel male, sono stati sostanzialmente due: Karel Poborsky e Vratislav Gresko, un ceco e uno slovacco, entrati nello storia del calcio italiano.

Poborsky era arrivato alla Lazio nell’estate del 2000 e in quella stagione aveva segnato appena due goal, gli stessi che ha realizzato in quel folle pomeriggio all’Olimpico.

Ad aiutarlo a compiere l’impresa fu proprio Gresko, regalandogli il pallone del 2-2 con uno scellerato colpo di testa all’indietro verso Toldo. L’ex difensore del Bayer Leverkusen – che aveva già perso un campionato all’ultima giornata proprio con le Aspirine – divenne il capro espiatorio di quella sconfitta e ancora oggi tutti lo ricordano per questo.

Gresko si è ritirato ufficialmente nel 2015 e ha abbandonato completamente il mondo del calcio. Ora si occupa di teatro e nello specifico di tragedie. Un vero paradosso per uno che ha vissuto una tragedia sportiva come quella del 5 maggio. L’articolo prosegue qui sotto

Per quanto riguarda Poborsky, invece, il calcio è rimasto sempre al centro della sua vita. Nel 2007 trascinò il Ceske Budejovice, la squadra in cui ha iniziato la carriera e della quale è anche proprietario, a un’insperata promozione in massima serie.

Fu costretto a ritirarsi qualche tempo dopo per un grave infortunio e successivamente rifiutò la carica di commissario tecnico della Repubblica Ceca per ricoprire il ruolo di presidente del Ceske Budejovice.

Loading...
loading...

I suoi progetti futuri, tuttavia, hanno subito una brusca frenata quando nel 2017 è stato vittima di una paralisi facciale a causa di una puntura di zecca. Oggi sta bene e punta a riportare il suo Ceske Budejovice nella massima divisione ceca.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *