Sorpreso a rubare dentifricio: anziano muore d'infarto - Euroxweb

Sorpreso a rubare dentifricio: anziano muore d’infarto

A Bolzano, un anziano di 67 anni è morto per un arresto cardiaco dopo essere stato scoperto a rubare dentifricio in un supermercato

Beccato mentre ruba un dentifricio all’interno di un supermercato, muore d’infarto.

loading...

Così, un pensionato di 67 anni è stato stroncato da un arresto cardiaco mentre interloquiva con gli agenti.

Probabilmente pensava di farla franca. D’altronde, si trattava di una malefatta estemporanea, episodica. Forse, l’anziano neanche s’immaginava che sarebbe stato fermato dalle autorità per aver messo nel marsupio della merce di poco conto. Tant’è. Stando a quanto si apprende dal quotidiano La Repubblica, i fatti sarebbero occorsi ieri pomeriggio, a Bolzano, in pieno centro cittadino.

Il sessantasettenne, in compagnia della moglie, era entrato all’interno del supermercato MiniPoli di Piazza Matteotti. I due si aggiravano tra le corsie del reparto cura ed igiene della persona quando il l’uomo ha sfilato dagli scaffali un tubetto di dentifricio e uno shampoo. Lo ha fatto in modo maldestro, al punto che il personale del punto spesa lo ha colto in flagrante e ne ha fatto segnalazione al direttore del negozio. Pochi minuti dopo, è sopraggiunta la polizia che lo ha fermato per chiedergli la restituzione del maltolto. Nulla di più. Nonostante i toni della conciliazione fossero del tutto tranquilli, il 67enne, già con problemi di salute, ha cominciato a mostrare segni di insofferenza respiratoria. A quel punto, i presenti hanno ritenuto necessario l’intervento del 118. Nonostante l’arrivo tempestivo dei sanitari, l’anziano si è accasciato al suolo per un arresto cardio-circolatorio ed è morto. La compagna è risultata totalmente estranea ai fatti.

“Episodi del genere sono molto frequenti – riferisce il Capo di Gabinetto della Questura di Bolzano, il Dott. Porroni – Riceviamo circa dieci segnalazione al giorno per furti di questo tipo. Il disagio economico, che comunque non giustifica reati del genere, è indubbio che ne favorisca la proliferazione. E il caso specifico del signore di 67 anni e della sua compagna, probabilmente rientra tra quelli”.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...