Quando Renzi diceva di voler abolire il canone

loading...

1455647451-lapresse-20160215211523-17612508Nel marzo scorso il premier spiegava: “Io appartengo a una cultura che vorrebbe eliminare il canone”. Ma poi cambiò idea e cultura

C’era un tempo non molto lontano in cui il premier Matteo Renzi era tra quelli che volevano abolire il canone Rai. Era, precisamente, il 27 marzo 2015 e durante una conferenza stampa di Palazzo Chigi, il capo del governo disse chiaro e tondo: “Io appartengo a una cultura che vorrebbe eliminare il canone ma so che è molto complesso”. Parole che fecero nascere una sorta di diatriba col sottosegretario alle Telecomunicazioni Antonello Giacomelli il quale spiegò di essere più del partito del canone in bolletta e affermò: “Io non so se sono esattamente della scuola del Presidente, però parteciperò all’approfondimento del governo”. Il riferimento era alla delega del governo che da lì a poco avrebbe affrontato meglio la questione del pagamento della tassa più odiata dagli italiani.

Le parole di Renzi tuttavia aprirono degli spiragli e alimentarono le illusioni di molti, persino di alcuni deputati. “Sulla riforma della Rai bisogna andare veloci. Il ddl del governo ci piace molto e sosteniamo convintamente il premier Renzi nella missione, apparentemente impossibile, di rendere efficiente l’azienda. Nel 2012, secondo l’Agcom, Mediaset ha raccolto quasi 2 miliardi di pubblicità, la Rai meno di 700 milioni. L’abolizione del tetto pubblicitario per la Rai contenuta nel ddl è la precondizione per l’abolizione o la riduzione del canone, mettendo in condizione l’azienda di essere competitiva e raccogliere nuove risorse senza pesare sulle casse dello Stato”, affermarono i Riformatori, l’associazione promossa dai deputati Stefano Dambruoso, Salvatore Matarrese, Pierpaolo Vargiu e Paolo Vitelli e da centinaia di amministratori locali.

Le illusioni, come in perfetto stile renziano, durarono pochissimo. Il resto è storia di questi giorni. Col segretario democratico che rivendica a piè sospinto la sua rivoluzione: “Pagare tutti, pagare meno: è un grande principio di onestà e di etica”. La cultura pro-abolizione del canone è acqua passata.

http://www.ilgiornale.it


Seguici su Facebook alla Ns. pagina: QUI SI FA L'ITALIA
dove saranno redatte le novità e gli aggiornamenti di questo Blog



E' gradito un Mi Piace e Condividi....grazie

Potrebbero interessarti anche...

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *