Bologna: una madre si impicca prima di essere sfrattata

loading...

Donna-si-suicida-per-problemi-economici-Salvini-Stato-dove-sei-392x294Da anni ormai si vive una situazione economica difficile, in molti, sopratutto coloro i quali hanno superato la fatidica soglia dei trent’anni, vivono in una specie di limbo dal quale è impossibile uscire. Succede così, a volte, che la pressione di una situazione economica disastrosa porti i soggetti più deboli a compiere un gesto estremo che rappresenta sia una resa che un messaggio d’allarme per tutta la comunità. Così è successo ieri sera a Zola comune in provincia di Bologna: una madre di 41 anni, viveva la quotidianità con sofferenza, con l’assillo di dover trovare un lavoro che in molti le avevano negato, di trovare un modo per dare da mangiare ai propri figli (due bambini di dieci e undici anni) e con la paura che dopo le utenze (luce e gas erano state staccate per morosità) avrebbe perso la casa (pochi giorni prima aveva subito il terzo tentativo di sfratto) e probabilmente l’affido dei figli, questa situazione così complessa l’ha resa debole, vulnerabile fino a condurla al suicidio.

Il corpo della donna è stato ritrovato dal compagno, l’uomo era uscito per un paio d’ore ed al suo rientro ha ritrovato i bambini messi a letto e la donna impiccata alla grata della finestra. Subito dopo il ritrovamento, l’uomo ha chiamato i carabinieri ed ha spiegato quello che secondo lui aveva indotto la donna a compiere quel gesto ed a lasciare i figli orfani della propria madre. Si sarebbe trattato di problemi economici, la donna dopo la separazione dal marito aveva cominciato a cercare lavoro senza riuscirci, i soli alimenti non bastavano a mantenere la casa ed i bambini, inoltre, nessuno tra convivente e familiari era in grado di darle una mano. Dopo aver appreso la notizia del suicidio della donna, il comune di Zola si è detto addolorato dalla scomparsa della donna ma ha anche affermato di aver fatto tutto quanto fosse in proprio potere per dare una mano a questa famiglia in forte difficoltà economica.

fonte qui

Potrebbero interessarti anche...

loading...