RAGGI INCONTENIBILE! Tagliate super poltrone da 100 mila euro annui. Ecco chi sono i parassiti mandati a casa

loading...

13633244_10209734334979113_1838636619_o-550x370Via cinque manager da 100mila euro all’anno

La sindaca inizia il repulisti nell’amministrazione capitolina e attende il report sulle consulenze degli assessorati.

Dopo il taglio dei manager imposto dalla sindaca di Torino, Chiara Appendino, anche Virginia Raggi mette il suo imprinting sui tagli ai manager. Sarà un’operazione di spoil system o una riorganizzazione della macchina comunale in pieno stile Cinquestelle? Non è ancora chiaro. Fatto sta che dopo aver nominato i membri della sua giunta – in anticipo di due giorni rispetto alla scadenza che lei stessa si era data – la sindaca di Roma taglia cinque dirigenti. Tutti con contratto intorno ai 100mila euro. 
Non è chiaro se queste teste che saltano – era già stata annunciata quella del capo dei vigili urbani Raffaele Clemente – siano regolari, visto che gli interessati, alcuni assunti con selezione pubblica indetta dalla giunta Marino con contratti a termine, hanno già annunciato ricorso a fronte di un pesante demansionamento sia nel ruolo che nel trattamento economico. 

Dopo il capo dei Vigili, via cinque manager

Chi sono i manager cancellati dalle caselline che contano nell’amministrazione di Roma Capitale? Il nome più conosciuto, scrive il Messaggero, è quello di Federica Pirani, direttrice dei Musei comunali e di arte moderna (Macro, Palazzo Braschi e la Galleria comunale di Arte moderna e contemporanea). Nel 2014 Pirani da semplice funzionaria era diventata direttrice generale in una delle caselle più importanti della cultura capitolina. Altro nome che salta è quello del Sovrintendente Carlo Parisi Presicce, che però dovrebbe durare in carica fino alla fine dell’estate. 

In attesa del report sulle consulenze

Saltano anche Patrizio Belli, direttore della Programmazione finanziaria e e gestionale del Comune, con un passato da funzionario dell’ex provincia di Roma, e Addolorata Prisco, che dirigeva l’Unità operativa per il controllo degli equilibri finanziari del Campidoglio. Via anche Francesco Perrone, direttore del Sistema integrato dei Controlli interni. Claudio Blandolino salta dal Sistema Acquisizioni e consegne. Tutto questo mentre la sindaca aspetta un report sulle consulenze nei vari assessorati. E’ lì che probabilmente avverrà il repulisti più profondo. 
http://direttanfo.blogspot.it/


Seguici su Facebook alla Ns. pagina: QUI SI FA L'ITALIA
dove saranno redatte le novità e gli aggiornamenti di questo Blog



E' gradito un Mi Piace e Condividi....grazie

Potrebbero interessarti anche...

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *