GIULIANO AMATO: “HO SCRITTO IO L’ARTICOLO 50 DEL TRATTATO DI LISBONA (USCITA DALLA UE). MA NON DOVEVA ESSERE MAI USATO.” FAREMO DI TUTTO AFFINCHÈ LA GB TORNI IN SENO ALLA UE, ALTRIMENTI SARANNO CAZZI ACIDI.

loading...

giuliano-amato-550x367

Giuliano amato,l’uomo che ha scritto l’articolo 50 ha ammesso che non sarebbe mai dovuto essere utilizzato come invece è accaduto con la Gran Bretagna che sta uscendo dall’Unione europea.

Giuliano Amato, ex primo ministro italiano, ha sostenuto la Gran Bretagna deve “perdere” finanziariamente, così sono costretti a rimanere nel mercato unico.

Amato ha detto in una conferenza a Roma, che aveva inserito la clausola di uscita in particolare per la Gran Bretagna che lamentava non esserci alcuna clausola che permettesse agli Stati di uscire dalla UE.

Egli ha detto: “Ho scritto l’articolo 50, quindi so bene di che cosa si tratta”. “La mia intenzione era quella che avrebbe dovuto essere una valvola di sicurezza che era lì, ma che non sarebbe mai stata utilizzata.

E ‘come avere un estintore che non dovrebbe mai essere utilizzato. Invece, c’è stato un incendio. “Quando si parla di economia loro devono perdere.”

La Gran Bretagna ha votato in un referendum il 23 giugno ha lasciato l’Unione europea. Per fare ciò, Londra dovrà invocare l’articolo 50 del trattato di Lisbona, che inizia un conto alla rovescia di due anni per un uscita formale da parte dal blocco di 28 nazioni.

Amato è stato primo ministro italiano nel 1992-1993 e di nuovo nel 2000-2001. In seguito ha contribuito alla stesura di una Costituzione europea che alla fine, la UE non essendo uno stato non si è potuta fare , pertanto lo ha trasformato in un ennesimo Trattato quello di Lisbona.

Giuliano Amato è un grande sostenitore della UE, ed ha affermato che laBrexit era un “disastro” e ha esortato gli altri leader europei di non seguire l’esempio della Gran Bretagna.

Giuliano Amato ha detto: “Se un altro leader è matto come Cameron di offrire un referendum sull’adesione all’UE, per esempio in Olanda o in Austria, c’è il rischio che voterebbero per uscire.

“Per dimostrare agli stati membri il grande errore  della Gran Bretagna, il signor Amato ha detto che la UE è dovuta essere “particolarmente dura” nei colloqui per la Brexit. Ha inoltre affermato: “Non dare alla Gran Bretagna la possibilità di pensare che l’uscita dall’Unione Europea migliori la sua economia e che non abbiano la convinzione di poter fare ciò che hanno sempre fatto come membri UE.

“Loro lo sanno molto bene”. “Quanto più si rendono conto che stanno perdendo, tante più possibilità ci sono che alle elezioni del 2020 ci sia qualcuno che possa rivedere la posizione della Gran Bretagna.”

Giuliano Amato ha detto di sperare di fare festa promuovendo un’agenda pro-europeo che possa conquistare il potere e mettere un freno sui piani della Brexit. Per questo motivo è importante per allungare i tempi dei colloqui.

Egli ha detto: “Spero che i negoziati si trascinano in modo da non arrivare al 2020. Il Primo Ministro inglese vorrebbe concludere la transizione entro maggio 2019, ma sarà facile prolungare i tempi.”

Theresa May ha rivelato oggi che non farà scattare l’articolo 50 almeno fino al gennaio 2017.


Seguici su Facebook alla Ns. pagina: QUI SI FA L'ITALIA
dove saranno redatte le novità e gli aggiornamenti di questo Blog



E' gradito un Mi Piace e Condividi....grazie

Potrebbero interessarti anche...

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *